• Bed & Breakfast CORONA

    a Fano Adriano (TE)

    CHI SIAMO
  • Bed & Breakfast CORONA

    a Fano Adriano (TE)

    IMMAGINI
  • Bed & Breakfast CORONA

    a Fano Adriano (TE)

    ATTRAZIONI
  • Bed & Breakfast CORONA

    a Fano Adriano (TE)

    CONTATTI

CHI SIAMO

Siamo un Bed & Breakfast in Abruzzo, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Il Bed & Breakfast "CORONA" si trova a Fano Adriano (Teramo),
nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso - Monti della Laga.
É una casa indipendente con ampio giardino panoramico su più livelli e barbeque.
Fornito di tre luminose camere per 5 posti letto, bagno, cucina attrezzata, ampio soggiorno e caminetto.
Inoltre è disponibile un posto auto e la possibilitá di ospitare piccoli animali.





PROFILO

Gestione familiare.

Ambiente rilassante.

Riservatezza, cortesia.

Attenzione alle esigenze dei clienti.

Ambiente non formale.

DOVE SIAMO

Siamo a Fano Adriano (TE),

nella parte più antica del paese.

Alle pendici del Gran Sasso e al

centro del relativo Parco Nazionale.

Immersi nel verde e

circondati da una natura

ancora incontaminata e protetta.

SERVIZI

TV, Wi-Fi.

Bagno.

Cucina

Ampio soggiorno con camino.

Giardino con barbecue,

amaca, sdraio, zona bimbi.

Parcheggio auto.

LA NOSTRA STORIA

Nasciamo nell'anno 2003

con un sogno:

far conoscere questi luoghi

al mondo esterno.

Dopo una piccola ristrutturazione,

siamo divenuti un vero e proprio

Bed & Breakfast.


"La voglia di scoprire altri luoghi, altri mondi, altre realtà, è stato necessario, ma i ricordi del passato, sono stati sempre accarezzati dalla nostalgia.
Irrevocabile e ferma fu la decisione di spazzare via la monotonia della vita scandita dagli orari, dalla folla, dal caos cittadino.
Tornare ad assaporare gli stessi profumi,le stesse sensazioni che sembrano toccare e accarezzare l'anima, è stata per me, la scelta migliore.
La mia casa, ha finestre dai quattro lati, ovunque ti affacci, lo sguardo si posa incantato, ogni stagione, ha il suo colore e la sua poesia.
Nel mio giardino, non ci sono ne' piscine ne' saune, ma ho un ciuffo di rami cadenti di sambuco, sembrano teli di fiori enormi che regalano ombra e un profumo lieve, delicato.
C'è una pianta di antico melo, era li già da quando ero bambina, lo tocco ogni giorno come si tocca la spalla di un amico, per confortarlo.
Da una delle mie finestre, si vede il vero splendore. I monti che sovrastano Fano, nel punto dove sorge il sole, finisce il profilo delle montagne per fare posto all'aurora.
Quello spazio è chiamato dai fanesi "la marina".
La striscia di mare, purtroppo, non si vede, ma il cielo sopra di esso è un intreccio di tenui colori sfumanti nel rosa, celeste e azzurro.
D'Inverno, questi colori, diventano ancora più accesi.
Guardando, si resta immersi in quei colori, senza pensare, ma l'anima ne resta imprigionata creando sensazioni indescrivibili.
Al limite del giardino, si può vedere la vetta del Gran Sasso che è sempre adornato di nuvole bianche e rosa.
Questa porzione di paradiso, ha fatto nascere in me il desiderio di condividerlo con gli altri.
Per questo motivo, ho aperto le porte della mia casa, del mio paese, della mia gente, far capire loro che la nostra vita, si racchiude anche nella semplicità di guardare un fiore e bere acqua che sa di neve.
Queste sono le piccole grandi cose che offre il mio Bed & Breakfast CORONA."
M. De Arcangelis


IMMAGINI

Le camere, i servizi, gli esterni e quel che ci circonda.

Camera 1

CAMERA "DUE CUORI"

Fotografie

Camera 2

CAMERA "CRISTALLINA"

Fotografie

Camera 3

CAMERA "BIMBI"

Fotografie

Toilet

TOILET

Fotografie

Cucina

CUCINA

Fotografie

Interni

INTERNI

Fotografie

ESTERNI

ESTERNI

Fotografie

FANO ADRIANO

Fotografie

Per visualizzare altre fotografie potete visitare la nostra pagina Facebook.


ATTRAZIONI

Cosa si può fare. Tutte le più importanti attrazioni del posto.

CULTURA

Gli itinerari tra
le stupende montagne
e l’azzurro del mare,
percorrono strade di contrade
e paesi antichi
dove opere d’arte testimoniano
una cultura millenaria.

NATURA

Le bellezze paesaggistiche
della terra d'Abruzzo,
le aree protette dei Parchi,
le numerose Oasi Faunistiche.
Un percorso di conoscenza
della grande ricchezza,
della Regione Verde d'Europa.

SPORT

Fano Adriano offre straordinarie
opportunità per il turismo "verde"
e per svolgere molti sport
a contatto con la natura.
L'ottima posizione del posto
facilita molteplici attività
in paese e nelle zone limitrofe.

GASTRONOMIA

L'Abruzzo offre un'ampia scelta
di profumi e sapori antichi
che ritroviamo anche
nella cucina Fanese,
un insieme di gusti diversi
articolati attorno ad alcuni
tipici piatti principali.

APPROFONDIMENTI

Cultura, Natura, Sport e Gastronomia Fanese

FANO ADRIANO (TE)

É una ridente località di soggiorno estivo e sport invernali del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, alle pendici del Gran Sasso.
Collocata a 750 metri di altitudine, immersa tra secolari boschi, in posizione climatica particolarmente salubre.



CULTURA


Cenni Storici

Situato nella Valle Siciliana, Fano Adriano sorge probabilmente sui resti di un antico insediamento romano.
Risulta che il paese abbia avuto per molti secoli solo la denominazione di Fano per poi assumere quella di Fano Adriano o Troiano.
Il crollo dell'Impero Romano, seguito dalla invasioni barbariche e dei Saraceni, ridusse questa area in uno stato di completo isolamento aggravato dalla scomparsa della Via Cecilia, via di comunicazione tra queste zone e Roma di cui rimangono tracce lungo la ex strada statale n.80.
Anche Fano Adriano visse questo stato di isolamento, che da una parte fu utile a preservare la zona da ulteriori invasioni, ma dall'altra lasciò il paese, e tutta la zona montana dell'Abruzzo Teramano, in uno stato di arretratezza che perdurò fino al XX secolo.
Il Teramano, dopo aver fatto parte del Ducato di Spoleto ed aver attraversato il periodo di anarchia feudale dell'Alto Medioevo, entrò a far parte del Regno di Napoli.
Fano Adriano, sotto la signoria di Pardo Orsini, fece parte del Marchesato della Valle Siciliana che aveva la sua capitale a Tossicia e seguì le vicende del Regno fino all'unità d'Italia.
Interessante è il centro storico, raccolto intorno alla Chiesa madre, che conserva caratteri architettonici cinquecenteschi, specialmente nella zona detta "del Coro" e a Piazza Prato, dove è possibile ammirare un'abitazione privata che presenta anche un esempio di "gafio", elemento architettonico di derivazione longobarda tipico dell'alta valle del Vomano e testimonianza dell'appartenenza al ducato longobardo di Spoleto.
Il paese ha, col passare del tempo, inglobato il nucleo di abitazioni denominato Villa Moreni, originariamente separato e dotato di una sua propria chiesa intitolata a San Rocco che presenta caratteri seicenteschi.
Il comune di Fano Adriano comprende una unica frazione, Cerqueto, paese questo posto a circa 15 Km.
Cerqueto sorse probabilmente nel periodo delle invasioni barbariche.
L'abitato conserva notevoli caratteri di antichità, soprattutto nella parte alta (rione Castello) dove si incontrano esempi del caratteristico balcone ligneo detto "gafio".
Di notevole interesse la Chiesa di Sant'Egidio e il Museo delle tradizioni popolari, con notevole raccolta etnografica.
Nel periodo Natalizio si svolge un suggestivo Presepe Vivente.


La Chiesa

La chiesa dedicata ai Santi Pietro e Paolo, di antica origine (sec XII) e ricostruita nel 1400/1500, è stata sottoposta a restauri nel 1970, ha una semplice facciata di pietra arenaria (circa 1550) a coronamento orizzontale di tipo aquilano, con portale in pietra sculta del 1693, adorno di maioliche ottocentesche di Castelli.
Il campanile è del 1658.
L'interno, a tre navate con arcate a tutto sesto poggianti su pilastri quadrangolari, presenta due cappelle laterali che simulano un transetto.
Nella cappella del Rosario, ove era il nucleo originario della chiesa, oltre a resti di affreschi del '400, di notevole interesse è il gruppo statuario seicentesco della "Madonna del Rosario, Santa Caterina da Siena e San Domenico" posto in un sontuoso altare ligneo intagliato e dorato; da notare inoltre, le piccole tele che circondano la nicchia centrale, opera di anonimo pittore dell'italia meridionale che raffigurò i misteri ispirandosi a opere di incisori tedeschi.
L'altare maggiore ligneo, intagliato, scolpito e dorato, di magnifico aspetto, adorno di colonne a spirali, statue, rilievi, è opera tardo seicentesca di un artista locale che seppe conciliare istanze e caratteri di cultura berniniana con elementi delle tradizione rinascimentale, attigendo tra l'altro ad un repertorio iconografico proprio del mondo magico-religioso di impronta locale.
Sopra l'ingresso della chiesa, su fastosa cantoria lignea settecentesca, vi è il prezioso organo opera di Adriano Fedri.
Nei sottarchi delle navate vi sono affreschi datati 1592, raffiguranti con toccante ingenuità, santi e fregi ornamentali.
Sempre nella chiesa vi è la vasca della fonte Cannalecchia, con un iscrizione non facilmente interpretabile, due date (1335 e 1569) e uno stemma seicentesco, meritevole di un cenno è la seicentesca pala con Il Trionfo dell'Immacolata, opera di un garbato clima devozionale in perfetta sintonia con i canoni dettati dalla riforma di Trento.
Sul retro della chiesa, entro nicchia, vi è il seicentesco affresco assai guasto con la Madonna del Rosario e due santi, le cui tinte acide e alcune soluzioni formali indicano il pennello di un seguace del Barocci.


L'Eremo dell'Annunziata

Situata sul Colle San Marcello in uno scenario molto suggestivo, la Cona dell’Annunziata, così come si presenta ora è databile XVI secolo, grazie ad un blocco di pietra riutilizzato in uno degli ingressi laterali.
La chiesa ingloba nella parte corta settentrionale i resti di un muro di grossi blocchi di arenaria locale, squadrati regolarmente che, secondo alcuni, apparterrebbero ad un distrutto tempio pagano che avrebbe dato il nome al paese (fanum = tempio).
É possibile che si tratti, invece, di una costruzione medievale, una struttura fortificata, sorta di un luogo strategico da cui si domina la valle del Vomano o una chiesa precedente la cui esistenza è attestata da un’epigrafe menzionata nei registri parrocchiali e datata al 1473.
Interessanti sono i numerosi ex-voto conservati all’interno dell’edificio e l’altare ligneo di stile barocco.
Meraviglioso è il panorama sul Gran Sasso e sui monti della Laga.


Chiesetta di San Rocco

Sita nel sobborgo detto Villa Moreni, presenta caratteri seicenteschi che tuttavia il tempo ha minato in modo grave (un porticato antistante è andato perduto nel corso dell’ultimo restauro intorno agli anni ’50, la struttura ha subito negli ultimi anni diversi danni legati al tempo e all’incuria).
Grazie ad un comitato ad hoc che ha curato un programma di restauro, la chiesa è stata recentemente ristrutturata.
In questa chiesa si tiene ogni anno il 16 di Agosto la celebrazione dedicata al Santo.


Chiesa di Sant'Egidio Abate

(Cerqueto)

Di epoca medioevale, nota dal 1324, è stata restaurata e amplificata nel sec. XV per volontà di Eugenio IV.
La struttura della chiesa più antica è visibile sul retro dove appare parzialmente murata una loggia.
Il portale in pietra è datato 1585 ed è affiancato dallo stemma del paese raffigurante una quercia.
L’interno è diviso in due navate e la seconda, probabilmente aggiunta dopo il 1432, custodisce un affresco dell’Annunciazione del sec. XV.
Nella navata principale affreschi più popolari sono probabilmente dello stesso secolo.
Nei secoli XVI-XVII l’interno subì nuovi abbellimenti: del 1616 è l’affresco della Madonna del Rosario e settecenteschi sono gli altari lignei barocchi e il soffitto ligneo a lacunari.
La chiesa è stata ulteriormente restaurata nel 1979/80.


Chiesetta dell'Alpino

(Colle Abetone)

Inaugurata nel 1977, è sita alla sommità del Colle Abetone (1.775m slm), tra un fitto bosco di facci, nello splendido scenario di Monte Corvo. Seppur di piccole dimensioni, è una chiesa molto suggestiva ed è dedicata agli alpini e ai caduti di tutte le guerre. La tradizionale celebrazione dedicata agli alpini viene tenuta ogni anno a fine Luglio.


Fonte della Cannalecchia

Sulla strada che porta ad Intermesoli, si incontra un antico fontanile che fungeva anche da abbeveratoio per gli animali.
La particolarità del fontanile è che era dotato di un bacino di pietra per la raccolta dell’acqua che recava incisa la data 1569 ed il luogo era noto come Fonte della Cannalecchia.
Sul bordo esterno di quel bacino era incisa la scritta “A.D. 1335 aedificata fuit haec ecclesia. Hoc op. ff. A.D. 1569”.
Sulla parte più bassa era lo stemma triturrito di Fano Adriano con una F ed una T ai suoi lati.
Con ogni probabilità il bacino era dunque l’acquasantiera o il fonte battesimale di una antica chiesa costruita nel 1335 che, dopo che la chiesa cessò di esistere, venne riutilizzato nella fonte in questione.
Rilevante è il fatto che la località Fano Adriano scaturirebbe dall’unione di due piccoli centri abitati, Fanum e Trianum, le cui iniziali sono appunto F e T.
Quel bacino è oggi custodito nella Chiesa parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo di Fano Adriano ed il suo posto è stato preso da un manufatto del tutto analogo realizzato nel 1973 da Vittorio Valente recante il noto motto delle "7F".


_____________

  Comune di Fano Adriano
  Proloco di Cerqueto
  Regione Abruzzo
  Abruzzo Turismo
  Barocco Popolare: articolo della "Rivista D'Abruzzo" sulla Chiesa di Fano Adriano.


Fano Adriano e la Catena del Gran Sasso. (foto L.Di Battista)


Fano Adriano dall'alto. (foto L.Di Battista)


Chiesa dei Santi Pietro e Paolo.


L'Eremo dell'Annunziata e la Catena del Gran Sasso.


La Chiesetta di San Rocco e la sua celebrazione.


Chiesa di Sant'Egidio Abate a Cerqueto.


Chiesetta dell'Alpino sul Colle Abetone.


Fonte della Cannalecchia.

NATURA


Il Parco Nazionale del Gran Sasso - Monti della Laga

È uno dei più grandi Parchi Nazionali italiani (150.000 ettari) e fu istituito nel 1991.
Abbraccia le province de L'Aquila, Teramo e Pescara e comprende tre grandi gruppi montuosi: la catena del Gran Sasso d'Italia, dove si erge la vetta più alta di tutto l'Appennino (Corno Grande, 2.912m); il massiccio della Laga, con il Monte Gorzano (2.458m), il Monte della Laghetta (2.369m) e il Pizzo di Sevo (2.421m) e i Monti Gemelli.
Tra il Corno Grande e il Corno Piccolo (2.655m), ad una altitudine di 2.680m, si trova il ghiacciaio del Calderone, l'unico degli Appennini e il più meridionale d'Europa.
Nel cuore della catena del Gran Sasso d'Italia è nascosto l'immenso altopiano carsico di Campo Imperatore (1.800-2.150m s.l.m.), soprannominato "Il piccolo Tibet".
Gli sterminati pascoli dell'altopiano sono circondati dalle spettacolari cime montuose del Corno Grande, Corno Piccolo, monte Prena (2.561m), monte Camicia (2.570m), monte Brancastello (2.385m), Pizzo Intermesoli (2.646m), monte Portella (2.388m), monte Scindarella (2.233m) ed altre vette minori.


Pratoselva

Oltre Fano, si giunge (9 km) a Prato Selva (1.451m slm), ai piedi del Monte Corvo (Gran Sasso).
Incantevole località montana adatta in estate a passeggiate, escursioni e pic-nic, mentre d'inverno si trasforma in una ottima meta di sciatori con impianti di risalita e seggiovia.
I pendii vanno dai 1.400m della zona dell'ampio parcheggio adiacente all'Albergo Pratoselva, dotato di tutti i comfort, come il Bar, la Cucina, le Camere e spazio relax all'aperto, fino ai 1.800m del Colle Abetone dove sorge la Chiesetta dell'Alpino.


Prati di Tivo

È una località turistica montana della regione Abruzzo, sede dell'omonima stazione sciistica, situata sulle falde nord-orientali del massiccio del Gran Sasso d'Italia, alla base del versante settentrionale del Corno Piccolo, nel territorio del comune di Pietracamela, in provincia di Teramo, all'interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.
È sita a circa 15 Km dal paese e a 40 Km da Teramo.
Il posto è meritevole di particolare attenzione paesaggistica, costituendo uno dei luoghi montani più caratteristici e famosi della provincia teramana, nonché uno dei punti di accesso alle vette maggiori del Gran Sasso. Dalla località, circondata da boschi di faggio dell'Aschiero e di mandorlo, è possibile osservare da vicino la parete settentrionale della cima più alta della catena dell'Appennino centrale e l'asperità del suo aspetto dolomitico.
Il luogo è meta di turisti e sportivi durante tutto l'anno avendo un buon apparato ricettivo di struttuture alberghiere; in Inverno è frequentato per i suoi impianti sciistici che comprendono piste da sci da discesa e relativi impianti di risalita, in Estate la località offre diverse possibilità per la pratica del trekking, dell'escursionismo, dell'alpinismo ed ascensioni con diverso grado di impegno, da semplici camminate nei boschi a difficoltose arrampicate su roccia, oltre a discese in bici fruendo degli impianti di risalita presenti.
Sono caratteristiche le passeggiate che conducono in diversi luoghi: Sorgenti del rio Arno, Campo Imperatore, Isola del Gran Sasso, Madonnina del Gran Sasso, Rifugio Franchetti e ascensioni al Corno Grande e al Corno Piccolo.


_____________

  Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
  Pratoselva
  Prati di Tivo


Mappa completa del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.


L'Albergo Pratoselva.


Prati di Tivo ed il Gran Sasso.

SPORT


Trekking ed escursioni

Inserita nello splendido scenario del Gran Sasso, Fano Adriano offre straordinarie opportunità per il turismo "verde" e per il contatto con la natura incontaminata.
La posizione favorevole del paese infatti facilita attività di vario tipo (trekking, mountain bike, turismo ippico) che includono passeggiate nelle zone limitrofe all'abitato ma anche più impegnative escursioni per esperti.
La rete sentieristica a breve percorrenza dal centro del paese appare particolarmente interessante per l'opportunità di apprezzare alcuni siti di interesse storico-culturale nel contesto di scorci molto suggestivi.
Il paese è dominato da un mirabile bosco, la Selva, costituito da una grande variabilità di alberi che durante la stagione autunnale offrono uno scenario unico per l'esplosione di colori che lo contraddistingue.
Attraverso una serie di sentieri all'interno della vegetazione è possibile raggiungere nelle immediate vicinanze i Merletti, autentici ricami di roccia che, tra picchi e guglie, annoverano un grande arco naturale, il Cammello, ed un antro rupestre, la Grotta delle fate.
Sempre molto vicino al paese si trovano le Vene Rosse, rilievi rocciosi dal colore caratteristico (da qui il nome) che si ergono in modo maestoso dalla fitta vegetazione circostante.
Nel loro contesto sono collocati I Grignetti, tre vasche scavate nella roccia ed utilizzate per la vinificazione in età antica.
Proprio su una delle più belle guglie delle Vene Rosse è stata recentemente realizzata una palestra di roccia con una vita, denominata il Pasto Nudo, dove è possibile arrampicarsi (il livello non è consigliabile ai principianti) proprio partendo dai Grignetti ed arrivando alla sommità dove si può godere di una splendida visuale.
In paese è possibile svolgere alcuni sport tradizionali, come Calcio, Tennis, Pallavolo, Bicicletta ed anche il tradizionale "Gioco delle Bocce".
Uno dei più suggestivi sentieri che si dipartono dal paese, conduce attraverso un bosco artificiale di conifere, al Colle San Marcello alla sommità del quale è posto l'Eremo dell'Annunziata.
A pochi Km da Fano è possibile raggiungere, anche in questo caso attraverso un antico sentiero immerso nel verde, il fiume Vomano, che offre numerosi tratti balneabili oltre che la possibilità di praticare la canoa.
Nell'ambito delle escursioni nel comprensorio del comune meritano menzione alcune tra le mete più caratteristiche della zona: Pratoselva, la Vallata ed il Rifugio del Monte, la Valle del Crivellaro, Monte Corvo.
Nell'area è tuttavia possibile raggiungere facilmente altre mete di grande interesse tra cui Pietracamela, Prati di Tivo, Monte Corno con i suoi scorci e le sue vette, le più alte di tutta la catena degli Appennini.


Sport invernali

La zona di Fano Adriano si distingue per la possibilità di praticare attività sportive invernali di vario genere.
Sci, Snowboard, Fondo, Sci alpinismo, Sled-dog (escursioni in slitta trainata da cani) e Snowshoeing (escursioni con ciaspole) rappresentano solo una parte dell'offerta turistica delle vicine stazioni di Prato Selva e Prati di Tivo, che si coniuga con il rispetto ambientale in un panorama mozzafiato.
Pratoselva (a soli 9 Km dal paese) rappresenta una accogliente stazione sciistica con 4 impianti di risalita inserita nello scenario di Monte Corvo: da segnalare la pista dell'Abetone lunga circa 2 Km (servita da una seggiovia a due posti), l'atmosfera estremamente familiare del posto e la favorevole esposizione che consente di godere del sole sugli impianti di risalita e anche sulle piste. Ottima base di partenza per raggiungere il Colle Abetone, la Chiesetta dell'Alpino e il Rifugio del Monte.
Situata a circa 15 Km dal paese, Prati di Tivo rappresenta una località di assoluto rilievo nel contesto dell'intera Italia centrale e meridionale.
Offre infatti un'ampia scelta di piste, impianti di risalita (recentemente rinnovati), percorsi escursionistici (trekking, arrampicate) ed una eccezionale ricettività alberghiera nel contesto di uno scenario "dolomitico" realmente unico. Ottima base di partenza per visitare la Madonnina e il Rifugio Franchetti.
Nell'ambito degli sport invernali, va infine sottolineato come sito di assoluto interesse la Valle del Crivellaro: questa è infatti una meta ambita per la pratica dello sci-alpinismo ed è riconosciuta dagli esperti di tale attività come area di rilevanza europea.


Sport acquatici

Percorrendo per qualche Km la ex Strada Statale 80 è possibile raggiungere tre laghi artificiali, molto interessanti dal punto di vista naturalistico oltre che turistico e sportivo.
Tra di essi di assoluto rilievo per dimensione e scenario è il lago di Campotosto, il più grande dei tre.
Posto in una splendida cornice di cime montane innevate fino a tarda primavera, il lago di Campotosto offre la possibilità di balneazione e pratica di sport acquatici.
È meta degli appassionati di Windsurf e Kitesurf di tutto il centro ed il sud Italia che sfruttano il vento sempre presente in alcuni rami del lago esposti in maniera particolarmente favorevole.
Da segnalare infine l'ottima ricettività turistica offerta da camping, alberghi, residence e mini appartamenti di recente costruzione, oltre che la possibilità di degustare piatti tipici a base di pesce di lago (coregone) nei numerosi ristoranti e trattorie disseminati lungo il perimetro del lago.
Poco distante da Fano è invece il fiume Vomano, che offre a sua volta numerose opportunità turistiche sportive e ricreative.
Situato in una stupenda gola la cui imponenza ricorda a tratti scenari vagamente canadesi, il fiume è raggiungibile da Fano in pochi minuti percorrendo un suggestivo sentiero.
Il Vomano, presenta numerosi tratti balneabili, offre la possibilità di praticare diversi sport ed è ben noto agli appassionati di attività nautiche fluviali in acque come Rafting, Canoeing ed Hydrospeed, che vi affluiscono numerosi anche dalle regioni limitrofe.
Per chi preferisce invece attività meno dinamiche il fiume offre la possibilità di rilassanti sessioni di pesca alla trota.


_____________

  Rifugio Franchetti
  Rifugio del Monte


Passeggiate in bicicletta.


Rifugio del Monte..


Trekking e passeggiate a Monte Corvo.


Sci e Snowboard a Pratoselva.


Impianti Comunali di Calcetto, Tennis e Pallavolo.


Windsurf a Campotosto.

GASTRONOMIA


Da sempre terra di grande tradizione agricola e pastorale, l'Abruzzo offre a chi lo visita un'ampia scelta di profumi e sapori antichi che possiamo ritrovare anche nella cucina Fanese, un insieme di gusti diversi articolati attorno ad alcuni tipici piatti principali.

Primi piatti:
"Sorgetti", "Maccheroni alla chitarra", "Scorpelle n'busse", "Timballo di Scorpelle", "Ravioli ripieni di ricotta", "Tagliarelli, o Maltagliati con fagioli e funghi porcini", "Virtù".

Secondi piatti:
"Arrosticini", "Pecora alla Caldara", "Mazzarelle" (considerate come primo piatto nel periodo Pasquale), "Sponsata" e svariati tipi di carne, specialmente agnello, cotta sulla brace.

Dolci:
"Bocconotti", "Caginetti", "Neole", "Torte ripiene" e i dolci tipici delle feste.

Le tradizionali Scorpelle.


CONTATTI

Per qualsiasi tipo di informazione, non esitate a contattarci.

COME ARRIVARE


Da Nord e da Sud

Dall'autostrada Adriatica A14 (da nord: direzione Ancona; da sud: direzione Pescara), uscire a Teramo/Giulianova/Mosciano Sant' Angelo, seguire la direzione per la SS 80 Strada Statale del Gran Sasso in direzione Teramo, attraversare Teramo e proseguire sulla SP 44A seguendo indicazioni per Fano Adriano.


Da L'Aquila

Imboccare l'autostrada A 24 L'Aquila - Teramo, uscire a San Gabriele/Colledara, seguire la direzione Montorio al Vomano, attraversare Ornano Grande, Montorio al Vomano, proseguire sulla SP 44A seguendo indicazioni per Fano Adriano.


Da Pescara

Percorrere la SS 16 in direzione di Chieti, continuare sull'autostrada A 14, uscire a Teramo/Giulianova/Mosciano Sant' Angelo, seguire la direzione per la SS 80 Strada Statale del Gran Sasso in direzione Teramo, attraversare Teramo e proseguire sulla SP 44A seguendo indicazioni per Fano Adriano.


Da Chieti

Percorrere la SS 81, imboccare l'autostrada A 14, uscire a Teramo/Giulianova/Mosciano Sant' Angelo, prendere la SS 80 Strada Statale del Gran Sasso in direzione Teramo, continuare sull'autostrada A 24, uscire a Basciano/Villa Vomano, seguire la direzione Montorio al Vomano, proseguire sulla SP 44A seguendo indicazioni per Fano Adriano.




I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

  • CONTATTI


  • Telefono: +39 0861 958011 / +39 06 9851202
  • Cellulare: +39 340 1066350
  • Email: Contattaci via mail
  • Indirizzo: Via Antonio Tassoni, 12 - 64044 Fano Adriano (Teramo)
  • Facebook: Seguici su Facebook